Vai al contenuto
  • Annunci

    • emmea90

      IMPORTANTE: Quale sezione devo usare? (Leggere prima di postare)   06/09/17

      Siete dei nuovi utenti e non sapete in quale sezione postare la vostra domanda/dubbio/curiosità? Allora non dovete fare altro che leggere quanto segue: la sezione General accoglie qualsiasi discussione riguardante Pro Cycling Manager in generale, dunque pareri sul gioco, discussioni e domande riguardanti il gameplay, i valori dei corridori, dubbi sulle modalità di gioco e simili; la sezione Technical è la sola e unica sezione da utilizzare per risolvere problemi tecnici riguardanti il gioco, quindi complicazioni riguardanti installazione e avvio di Pro Cycling Manager. NON postate in questa sezione problemi con i singoli pack, ma solamente problemi con il gioco pulito; la sezione Modding accoglie gli argomenti inerenti Maglie, Tappe e altri elementi che vanno a modificare e migliorare il gioco. Se volete esporre il vostro lavoro non vi resta che aprire un topic nella sottosezione più appropriata, altrimenti lo staff vi invita ad utilizzare il "Botta e Risposta" per risolvere i propri dubbi riguardanti il modding; la sezione Single Player raccoglie tutte le Story e Ministory giocate solo con la versione corrente del gioco; la sezione Multiplayer si utilizza per competizioni online, sia ufficiali che non; la sezione Tour de France riguarda l'omonimo titolo per PS4/X ONE, utilizzate questa sezione per qualsiasi domanda o altro inerente il titolo per console. Vi invitiamo ad essere quanto più chiari e comprensibili possibile nelle vostre richieste, a partire dal titolo della discussione che andrete ad aprire. Inoltre sarebbe bene NON intasare la chatbox con richieste con i vostri problemi dato che esistono le sezioni apposite. Si tratta di piccole e facili accortezze che consentono di migliorare le fruibilità del forum. Vi ricordiamo infine che NON è permesso in alcun modo richiedere assistenza tramite messaggi privati allo staff. Vi ringraziamo per l'attenzione, Lo staff
    • emmea90

      Aperte le Iscrizioni ai Campionati Italiani di PCM 2017!   09/02/17

      Sono finalmente aperte le iscrizioni ai Campionati Italiani online di Pro Cycling Manager 2017. Come ogni anno il forum ha organizzato per voi i campionati italiani su strada e pista, il trofeo dello scalatore e la Coppa del Mondo. Trovate qua di seguito i regolamenti per queste competizioni REGOLAMENTO CAMPIONATO STRADA REGOLAMENTO CAMPIONATO PISTA REGOLAMENTO COPPA DEL MONDO Le iscrizioni a queste competizioni possono essere fatte anche serata per serata (ad eccezione della Coppa del Mondo, dove per ottenere un team sarà necessario preiscriversi) Per iscrivervi potete utilizzare questi topic ISCRIZIONI CAMPIONATO PISTA ISCRIZIONI CAMPIONATO STRADA ISCRIZIONI COPPA DEL MONDO Per giocare è ovviamente necessario possedere il gioco originale, avere un account steam ed essere iscritti al clan Cycling Manager Italia. A questo indirizzo troverete il calendario delle competizioni che sarà aggiornato di volta in volta. Rimaniamo a disposizione su Discord per qualsiasi informazione, si prega di unirsi al canale qualora desideriate partecipare alle competizioni

smec-easyjet

Utenti
  • Numero contenuti

    10758
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    108
406

Reputazione Forum

406 Excellent

1 Seguace

Su smec-easyjet

  • Rank
    Professionista
  • Compleanno 05/30/85

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Genova

Contact Methods

  • ICQ
    0
  • Website URL
    http://www.cycling-manager.it/forum/index.php?showtopic=12089&st=0&p=485766&#entry485766

Visite recenti

6679 visite nel profilo
  1. Belin ma fra l'altro ti assicuro che dal fermo immagine sulla linea pareva avesse vinto lui: come Boasson Hagen sempre con Kittel al Tour vero Inviato dal mio XT1033 utilizzando Tapatalk
  2. ORDINE D'ARRIVO E CLASSIFICA GENERALE COMPLETI
  3. E si riprende con la cronosquadre di Nantes: ORDINE D'ARRIVO E CLASSIFICA GENERALE COMPLETI @Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris85 @MattHorse
  4. In questi casi ci provo sempre a chiudere il buco in questo modo e di solito funziona. Stavolta no Inviato dal mio XT1033 utilizzando Tapatalk
  5. ORDINE D'ARRIVO E CLASSIFICA GENERALE COMPLETI
  6. mai quanto Froome nel 2011, comunque
  7. ORDINE D'ARRIVO E CLASSIFICA GENERALE COMPLETI
  8. 3ª tappa Tour de France - Missillac > Mûr de Bretagne Buongiorno a tutti e ben ritrovati dalla Bretagna per la terza tappa del Tour de France 2019, la prima nella quale vedremo i pretendenti al successo finale mettere il naso fuori dal gruppo. Si arriva infatti sul Mûr de Bretagne - laddove nell'unico precedente alla Grande Boucle, nel 2011, si impose Philippe Gilbert - dove però si transiterà altre due volte prima del rush finale. E con le immagini siamo proprio all'inizio della prima scalata del Muro: in testa alla corsa, da solo, c'è il campione belga Tim Wellens unico superstite di una fuga che comprendeva anche lo spagnolo Sanjuán, l'olandese Lindeman ed il portoghese dei Tugas Casqueiro. Al suo inseguimento, però, ecco partire i quattro uomini che vedete inquadrati, e cioè Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), Alexey Lutsenko (Ag2r La Mondiale-Astana), Fabrizio Amoruso (Bahrain-Merida) e Manuel Senni (Mapei-Trek) che hanno già guadagnato 15" sul gruppo e ne devono recuperare 27" al battistrada. Nuovo rimescolamento di carte dopo lo scollinamento quando, ripresi sia Wellens che il quartetto mostrato pocanzi, in testa alla corsa si vengono a trovare Michael Valgren (Saxo Bank-Danfoss) e Ben Hermans (Milka-BMC) con una ventina di secondi sul gruppo della maglia gialla, nel quale è segnalato nelle retrovie Simon Spilak! La situazione è però in continuo divenire e così, al secondo passaggio sul Mûr de Bretagne, ecco proporsi questo altro terzetto di attaccanti davvero extralusso: ci sono la maglia verde Michael Matthews (Sunweb-Giant), Greg Van Avermaet (OmegaPharma-Q8) e ancora Alexey Lutsenko (Ag2r La Mondiale-Astana). Mancano 10 km all'arrivo ed il gruppo è a 36", segnalato in rimonta anche Spilak che si è riportato nelle prime posizioni. A 1.700 metri dall'arrivo, quando la strada riprende a salire per l'ultima volta verso il Mûr de Bretagne, Greg Van Avermaet, Michael Matthews e Alexey Lutsenko hanno ancora 40" di vantaggio ed è quindi probabile che saranno proprio loro a giocarsi il successo. Dietro, però, il gruppo è tirato a tutta da Ruben Guerreiro dei Tugas e potrebbe ancora tornare sotto. Ultimo chilometro: i primi a rinvenire sui tre battistrada sono Romain Bardet (Ag2r La Mondiale-Astana), Nairo Quintana (OmegaPharma-Q8) e Ruben Guerreiro (Tugas-Pingo Doce), mentre vediamo che Michael Matthews ha guadagnato qualche metro di vantaggio su Van Avermaet e Lutsenko e, ormai superata la parte più dura dello strappo, sembra potersi involare verso un'altra vittoria! Ed è ancora Michael Matthews (Sunweb-Giant) a vincere! Secondo successo consecutivo per l'australiano che fa il pieno di punti e consolida la maglia verde A 28" l'arrivo del gruppo ma vediamo che c'è una frattura: davanti riconosciamo Michal Kwiatkowski (Team Dimension Data) e Tom Dumoulin (Sunweb-Giant) che chiudono rispettivamente secondo e terzo, a seguire tra gli altri Esteban Chaves e Carlos Betancur della Sky-BikeExchange, Pierre Roger Latour e Romain Bardet della Ag2r La Mondiale-Astana, la maglia gialla Dadley Telford (Cannondale-Oakley), c'è anche Simon Spilak (Milka-BMC) che si è quindi ripreso alla grande, e poi ancora Thibaut Pinot (PMU.fr) e Wilco Kelderman (Sunweb-Giant) con Nairo Quintana della OmegaPharma-Q8 a chiudere la fila. Leggermente più staccato Ruben Guerreiro che, non vedendo né Rui Costa né Iznata davanti, si è lasciato sfilare nella speranza di arrivare intercalato e costringere i cronometristi a non rilevare distacchi. E invece il distacco c'è: 24" tra il primo ed il secondo gruppo, nel quale i pesci più grossi sono appunto Rui Costa e Leonardo Iznata dei Tugas, Chris Froome e Louis Meintjes della Dimension Data, Steven Kruijswijk e Tejay Van Garderen della Beijing-Lenovo, Miguel Ángel López della Milka-BMC, Warren Barguil della PMU.fr e Txiki Bartrés della Banesto-Crédit Maritime. Cambia, dunque, anche la classifica: o meglio, Dadley Telford mantiene inalterato il proprio vantaggio ma, alle sue spalle, il gruppo di corridori a 25" si riduce e per effetto della somma dei piazzamenti si fanno strada Chaves, Dumoulin, Quintana e Betancur. Qualcosa quindi non ha funzionato in casa Tugas, dove Guerreiro ha fatto il forcing per cercare di andare a riprendere Matthews e favorire Rui Costa ma, alla fine, ha messo in difficoltà proprio il suo capitano che questa mattina sperava invece di vincere la tappa e conquistare la maglia gialla. Più prevedibili, tutto sommato, le difficoltà di Iznata su un traguardo esplosivo e a lui certo non congeniale. @Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris85 @MattHorse
  9. boooh! può darsi che gli abbia abbassato i valori ANNI fa, e parlo di anni veri, dato che la story va avanti da 4 anni (che anzi, compie proprio in questi giorni: l'avevo aperta pochi giorni PRIMA che Rui Costa vincesse il mondiale a Firenze ) - ad ogni modo corre alla Beijing e si dividerà i gradi di capitano con Kruijswijk
  10. Subito la seconda tappa! ORDINE D'ARRIVO E CLASSIFICA GENERALE COMPLETI Subito colpi di scena importanti, dunque: noi intanto ci prendiamo la prima maglia a pois con Gaspar Gonçalves, in fuga tutto il giorno insieme a Le Bon e Juul Jensen, e Rui Costa dopo due giorni nella top 15 di tappa sale al secondo posto in classifica, dove ancora sono quasi tutti alla pari e quindi conta la somma dei piazzamenti. Domani, poi, c'è l'arrivo sul Mur de Bretagne che è adattissimo a Rui, e se Telford saltasse, hai visto mai che... sarebbe l'unica maglia di leader in un GT che ancora non ha mai vestito
  11. eh la versione solo testuale non mi tiene la formattazione...
  12. obrigado! beh sì Latour incuriosiva molto anche me, ma il fatto che (quasi inosservato) abbia corso anche il Giro - e poi sia Delfinato che Svizzera - temo lo limiterà molto nella seconda parte di Tour. Aru dopo la vittoria alla Vuelta dell'anno scorso ha fatto un Giro anonimo e qui nemmeno c'è, quindi in effetti zero speranze per l'Italia a meno che Cattaneo, contro ogni pronostico, non scali le gerarchie in casa Ag2r facendo le scarpe a Bardet e allo stesso Latour. Per la classifica dei giovani direi che dovrebbe essere un testa a testa tra López e il nostro Iznata che, sebbene alla settima stagione da pro', è ancora under 25 (ultimo anno, cmq). Altro nome buono Adrien Costa (vincitore del Tour of Ireland) che alla Rockstar Energy potrebbe fare la sua corsa, e volendo anche l'altro Tugas, Ruben Guerreiro. Sarebbero stati interessanti anche il cinese Guo e lo statunitense Butts, ma hanno già perso minuti. Quindi direi che non si scappa dai nomi sopra.
  13. ORDINE D'ARRIVO E CLASSIFICA GENERALE COMPLETI
  14. 1ª tappa Tour de France - L'Aber Wrach > Lannilis (Tro-Bro León Special) Un saluto a tutti e benvenuti alla cronaca diretta della prima tappa del Tour de France 2019 che ha preso il via, sotto una pioggia battente, dalla Bretagna. Questa prima frazione da L'Aber Wrach a Lannilis è particolarmente insidiosa perché ricalca il percorso della Tro-Bro Léon, una sorta di piccola Roubaix in salsa bretone che si articola tra strade acciottolate e sterrati. Tant'è vero che quando siamo ormai entrati negli ultimi 10 km possiamo già dirvi che il gruppo si è frazionato e che, tra i ritardatari, ci sono anche molti big: il recente vincitore del Giro d'Italia Rafal Majka e altri reduci della corsa rosa quali Vincenzo Nibali e Sergio Henao, il capitano della Saxo-Danfoss Jakob Fuglsang, due possibili mezze punte della Sky-BikeExchange come Geraint Thomas e Richie Porte, l'uomo di classifica della Cannondale Rigoberto Urán, il campione europeo Alexis Vuillermoz e praticamente tutti i velocisti più forti, compresi Sagan, Kittel e gli ultimi due vincitori della Sanremo, Hamalainen e Ciolek. Ma veniamo alla cronaca delle fasi salienti perché a 4,5 km dall'arrivo - ripresi i quattro attaccanti e cioè il giovane talento americano Adrien Costa, Malori, Juul Jensen e Durbridge - attacca Rui Costa (Tugas-Pingo Doce) approfittando di un attimo di rallentamento in testa al gruppo: Immediatamente, sulle tracce del portoghese si portano anche Romain Bardet (Ag2r La Mondiale-Astana) ed Esteban Chaves (Sky-BikeExchange): due corridori leggeri che no ci si aspetterebbe di vedere davanti su questo tipo di percorso, ma comunque altri due corridori di classifica che danno vita, quindi, ad una situazione decisamente interessante. Il gruppo però reagisce e chiude. Attenzione, però, perché all'ultimo chilometro parte Dadley Telford (Cannondale-Oakley)! Ed è l'azione giusta: Dadley Telford (Cannondale-Oakley) vince a Lannilis! Primo successo in un grande giro per il giovane corridore americano che ha messo a frutto le sue doti di grande passista A 25" l'arrivo del gruppo, messo in fila da Jérémy Ouvrard e Arthur Vichot, entrambi della PMU.fr. Ed ecco l'ordine d'arrivo che, in assenza di abbuoni, coincide alla prima classifica generale: Spiccano dunque i piazzamenti nei dieci dei vari Bardet, Quintana, Chaves e Rui Costa, ma nei primi trenta abbiamo anche Betancur, Mollema, Pinot e, appena fuori, il bicampione in carica Simon Spilak, 31º. In complesso sono una novantina gli uomini che fanno parte del primo gruppo, e tra questi non ci sono alcuni corridori di peso in chiave classifica: il vincitore del Giro, Rafal Majka, arriva a 2'26" in un gruppetto composto in gran parte da corridori della Saeco, fermatisi per scortare il loro leader Masnada. A 3'28" un gruppo molto folto comprendente molti dei velocisti più attesi - da Kittel a Ciolek, da Hamalainen a Ewan e Démare - ma soprattutto gente come Nibali, Thomas, Porte, Fuglsang, Vuillermoz ed Henao che, quindi, devono subito abbandonare ogni velleità di classifica. 6'48", addirittura, il passivo di altri due mancati protagonisti odierni: Bouhanni e Gaviria.

Cycling Manager Italia

Cycling Manager Italia è la community ufficiale Italiana, fondata nel 2003 e tra le più attive nel settore di Pro Cycling Manager.
×